Foto Lucrezia Roda (c) Accademia Teatro alla Scala

Fondazione TIM, nata nel 2008 per “promuovere la cultura del cambiamento e dell’innovazione digitale, favorendo l’integrazione, la comunicazione e la crescita economica e sociale”, nel 2016 lega il proprio nome a quello dell’Accademia Teatro alla Scala – l’istituzione formativa che prepara i talenti di domani nel campo dello spettacolo dal vivo – in una partnership pluriennale, per sostenere i giovani studenti attraverso una serie di progetti innovativi, adottando strumenti di comunicazione avanzati e tecnologie immersive.

Il primo progetto, Innovazione on Stage, si conclude negli spazi dell’Accademia Teatro alla Scala il prossimo sabato 21 aprile 2018, nell’ambito del Fuorisalone, durante la Milano Design Week.

Si tratta dell’ultima tappa di un Open Day itinerante, che permette di vivere una reale esperienza immersiva entrando nel cuore del palcoscenico e scoprendo il mondo dell’Accademia e la sua ampia offerta formativa. I visitatori entrano in un’installazione dove, grazie alle tecnologie immersive a 360° dei visori Oculus, provano l’inedita esperienza di salire su un palcoscenico e vedere l’attività frenetica che precede l’apertura del sipario e ciò che accade all’inizio di uno spettacolo: tutto quello che il pubblico di solito non può vedere, il lavoro di macchinisti, attrezzisti, truccatori, sarti, elettricisti, tecnici audio, direttori di scena.

 

La giornata del 21 aprile, in cui verranno presentati i corsi 2018/2019 dell’Accademia e che si arricchirà di momenti musicali con il Coro delle Voci Bianche, sarà anche l’occasione per incontrare allievi ed ex allievi che attraverso testimonianze e dimostrazioni pratiche accompagneranno il pubblico alla scoperta di arti e mestieri dello spettacolo.

 

Il tour Innovazione on Stage, partito sempre da Milano l’8 aprile 2017, ha fatto tappa anche a Bari (15 e il 16 settembre) presso la Fiera del Levante, a Torino, durante il salone della creatività ManualMente (23 settembre) e a Palermo, nella piazza del Teatro Massimo (22 ottobre), contando oltre 13000 presenze.

 

Il Progetto è stato realizzato grazie al contributo di Fondazione TIM che è espressione dell’impegno sociale di TIM e la cui missione è promuovere la cultura del cambiamento e dell’innovazione digitale favorendo l’integrazione, la comunicazione, la crescita economica e sociale