Parte il 15 luglio 2020 una nuova campagna di crowdfunding per dare vita, nell’anno scolastico 2020-21, alla 2ª edizione di La Scala fa Scuola. Un Coro in Città, il progetto promosso da Accademia Teatro alla Scala e Fondazione TIM, con il patrocinio del Comune di Milano e con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, per portare nelle scuole primarie del capoluogo lombardo docenti preparati nella disciplina della didattica corale, al fine di stimolare e sviluppare la cultura musicale attraverso la creazione di cori di voci bianche.

Il progetto è sostenuto da Fondazione TIM attraverso la piattaforma DonaconTIM: per ogni Euro donato al progetto tramite la piattaforma, fino al 31 ottobre 2020, Fondazione TIM riconoscerà all’Accademia un contributo di pari importo fino a un massimo di 200.000 Euro.

 

 

IL PROGETTO. OBIETTIVI E FINALITÀ

La Scala fa Scuola. Un Coro in Città nasce dalla volontà di avvicinare i bambini delle scuole primarie alla cultura musicale attraverso la pratica corale, con l’obiettivo di generare virtuose esperienze di inclusione sociale, attraverso il coinvolgimento di diversi quartieri della città di Milano. Il Teatro alla Scala è da sempre impegnato nella trasmissione del proprio patrimonio di saperi alle nuove generazioni, avendo istituito un ente formativo come l’Accademia, che oggi costituisce un unicum nel panorama europeo grazie a un’offerta didattica che copre tutti i profili professionali legati allo spettacolo dal vivo.

Partendo dalla bellissima esperienza del primo anno su dieci istituti milanesi, nell’arco dell’anno scolastico 2020-21 verranno ulteriormente accresciuti gli sforzi per creare nuovi cori di voci bianche. L’obiettivo è ambizioso, ma percorribile: raddoppiare il numero dei ragazzi rispetto allo scorso anno, raggiungendo 500 alunni e coinvolgendo 80 classi.

L’iniziativa culminerà con un grande concerto finale in cui i cori delle scuole si uniranno al Coro di Voci Bianche dell’Accademia.

 

SOSTIENI LA CAMPAGNA DI CROWDFUNDING, DONA ANCHE TU!

La 2ª edizione di La Scala fa Scuola. Un Coro in Città si avvale del sostegno della Fondazione TIM tramite DonaconTIM, piattaforma di fundraising digitale che dal 2018 promuove le più valide iniziative del Terzo Settore in Italia, forte di un’esperienza nata nel 2015 con WithYouWeDo e proseguita successivamente con TIMsostiene.

Fino al 31 ottobre 2020, per ogni euro donato verrà riconosciuto all’Accademia un contributo di pari importo, fino a un massimo di 200.000 euro. Diverse le possibilità offerte ai donatori che corrispondono ad altrettante opportunità di intervento e coinvolgimento nel progetto: a seconda della cifra donata si riceveranno uno o più biglietti per il concerto finale.

Sui siti e sui canali social dell’Accademia e della Fondazione TIM il progetto verrà raccontato attraverso testimonianze, interviste e contributi video.

 

LE SCUOLE

D’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, per il primo anno le scuole primarie della città di Milano coinvolte nel progetto sono state: Istituto Ciresola (Via Padova), Istituto Arcadia (Gratosoglio), Istituto Narcisi (Giambellino), Istituto Via Maffucci (Maciachini), Istituto Val Lagarina (Quarto Oggiaro), Istituto Sorelle Agazzi (Comasina), Istituto Bruno Munari (San Siro – Baggio), Istituto Sottocorno (Mecenate), Istituto Sandro Pertini (Greco – Bicocca) e Istituto Tommaso Grossi (Corvetto).

A queste, nella 2ª edizione si aggiungeranno altre classi ed istituti.

 

I DETTAGLI

Come per il primo anno, anche per la 2ª edizione saranno coinvolte le giovani direttrici di coro formatesi in Accademia sotto la guida di un Maestro come Bruno Casoni, Direttore del Coro del Teatro alla Scala e del Coro di Voci Bianche dell’Accademia Teatro alla Scala, coadiuvato da Sonia Franzese e Dario Grandini per la didattica corale e da noti professionisti del campo della pedagogia e della didattica musicale.

Inoltre, l’Accademia progetterà un corso di aggiornamento destinato agli insegnanti delle scuole coinvolte nella prima edizione, per permettere loro di creare in piena autonomia dei complessi corali. Le direttrici di coro si occuperanno della supervisione.

L’Accademia manterrà il coordinamento e la supervisione delle attività corali anche al termine del progetto, garantendo continuità di collaborazione e creando le condizioni affinché gli allievi ritenuti più meritevoli possano accedere prioritariamente ai corsi del Coro Voci Bianche dell’Accademia Teatro alla Scala.